Brevi cenni storici - Sito ufficiale del Portale Web "Bernalda Net"

Vai ai contenuti

Menu principale:

Brevi cenni storici

Bernalda > L'olio e i suoi strumenti a Bernalda

Brevi cenni storici


Il leggendario albero d'ulivo e l'olio ricavato dai suoi frutti hanno accompagnato la storia dell'umanità. Già 8000 anni fa l'ulivo veniva coltivato in Medio Oriente e le prime coltivazioni si ebbero molto probabilmente in Siria o a Creta. Con certezza sappiamo che le civiltà egizia e minoica consideravano l'olio di oliva come un prodotto di vitale importanza, tanto da fungere spesso addirittura da moneta di scambio. I Fenici, in seguito, diffusero questa coltivazione su tutte le coste del Mediterraneo, dell'Africa e del Sud Europa. Con i Greci le coltivazioni di ulivo divennero sempre più numerose, anche se nei poemi omerici l'olio era usato esclusivamente per la pulizia e l'igiene. Col passare del tempo l'olivo, dono della dea Minerva, divenne il simbolo della pace. I vincitori dei Giochi Olimpici, difatti, venivano incoronati con ramoscelli di olivo selvatico e gli ambasciatori ne recavano in capo una corona. Nel V sec. a.C. l'olivicoltura prosperava già in Grecia ed in tutte le isole dell'Egeo, e da qui fu trapiantata in Sicilia e, quindi, nelle penisole Italica ed Iberica. L'inizio dell'olivicoltura sul suolo italico è ascrivibile a non meno di 6 - 7 secoli prima dell'era cristiana. Si presume, come è stato accennato poc'anzi, che dalla ospitale terra siciliana la coltivazione si sia poi diffusa in tutto il mezzogiorno e poi via via verso il nord della penisola fino a coprire le zone attualmente interessate. Con l'avvento al potere di Roma, poi, si coltivò in ogni territorio conquistato l'ulivo. In molti casi i Romani ordinarono alle popolazioni sottomesse il pagamento dei tributi sotto forma di olio. Solevano, inoltre, intrecciare rami d'ulivo insieme con l'alloro per farci delle corone da offrire ai cittadini meritevoli. Sempre ai Romani si deve la costruzione dei primi strumenti per la spremitura delle olive e il progressivo perfezionamento delle tecniche per conservare l'olio. Fin dall'inizio l'ulivo e i suoi frutti sono stati presenti nella storia degli uomini sia nei riti sacri, sia nella vita quotidiana. L'olio venne utilizzato non solo per arricchire gli alimenti, ma anche nei massaggi e nella cosmetica. Gli antichi Romani classificavano l'olio di oliva in cinque qualità: "oleum ex albis ulivis" proveniente dalla spremitura delle olive verdi, "oleum viride" proveniente da olive raccolte a uno stadio più avanzato di maturazione, "oleum maturum" proveniente da olive mature, "oleum caducum" proveniente da olive cadute a terra e "oleum cibarium" proveniente da olive quasi passite che era destinato all'alimentazione degli schiavi.
I numerosi utensili per la raccolta e la spremitura delle olive, rinvenuti dagli archeologi in vari scavi nell'area mediterranea, nonché diversi passaggi della Bibbia e del Corano dimostrano l'importanza storica che questo frutto dell'ulivo ha continuato ad avere nel lavoro degli uomini. La stessa longevità dell'ulivo è proverbiale: è ipotizzabile che alcune piante ancora oggi presenti in Palestina siano coeve al sorgere del cristianesimo. Il ramoscello di ulivo, invero, nel mondo cristiano è un simbolo di pace: la colomba lo portò a Noé dopo il diluvio universale e la domenica delle Palme viene celebrata con la distribuzione dei rami benedetti in memoria del popolo che salutò l'ingresso glorioso di Gesù in Gerusalemme. L'olivo benedetto è anche presente nei momenti più significativi della vita dei fedeli: nel battesimo, nella cresima, nel viatico, nonché nell'ordinazione dei sacerdoti e dei vescovi.
L'olivo che oggi, ormai, è coltivato un po' ovunque nelle terre a clima temperato, nel continente americano e, precisamente, nel Perù vi fu portato dagli spagnoli verso la metà del XVI secolo. Solo più tardi la sua coltivazione spesso effettuata negli orti e nei giardini delle missioni si diffuse anche nel Messico e nella California. Nella medicina antica e fino all'immediato secondo dopoguerra del 1900, l'olio di oliva era impiegato come lassativo ed anti-ulcera. L'olio caldo sulla fronte, invece, se accompagnato da un segno di croce, si riteneva efficace contro il mal di testa e l'emicrania. In cucina l'olio non è solo un raffinato condimento atto ad esaltare ed armonizzare i sapori della tavola, ma è utilizzato anche per cuocere o per conservare i frutti della terra. Ancora oggi l'olio di oliva costituisce un prodotto carico di misticismo e, soprattutto, un componente fondamentale della ormai famosa dieta mediterranea, di cui molti esperti attestano gli aspetti benefici per la salute. L'olio di oliva costituisce, infatti, uno degli elementi più importanti della produzione agricola mediterranea: il 98% degli ulivi produttivi prosperano nel bacino del Mediterraneo e, indiscutibilmente, ancora oggi l'olivo è la pianta che meglio rappresenta la civiltà mediterranea.

 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu